Chi sono


Chi sono

 

Ho studiato filosofia all’Università Statale di Milano, con Enzo Paci. Tesi su Paul Ricoeur, anno 1961: certo una delle prime. Ho lavorato alla Casa editrice Il Saggiatore di Alberto Mondadori e alla Olivetti, Direzione Relazioni culturali. La Olivetti è stata per me una “seconda Università”. Sono stato docente di Semiotica alla Scuola del Design del Politecnico di Milano/Polo Bovisa, per dieci anni, su proposta di Massimo A. Bonfantini.

Gabriele Scaramuzza mi ha invitato a curare con lui l’Omaggio a Paci per i trent’anni della scomparsa del maestro e mi ha poi inserito nel Comitato scientifico della rivista “Materiali di Estetica” (https://riviste.unimi.it/index.php/MdE/index).

Quando Stefano Zecchi da assessore alla Cultura del Comune di Milano deliberò di intitolare una piazza in Milano/Barona a Enzo Paci, diede a me l’incarico di tenere il discorso di inaugurazione.

Avevo un’idea in mente da tempo, una monografia su Adriano Olivetti. Gli olivettiani Galileo Dallolio, Giovanni Maggio, Francesco Novara che oggi purtroppo non c’è più, Alberto Projettis, mi hanno incoraggiato a realizzarla. Il professor Giuseppe Galasso accettò di prefarla, Giovanna Venturino alternò incoraggiamento e pazienza.

Con Franco Sarcinelli e amici filosofi, alcuni già all’Olivetti, abbiamo fondato “InCircolo. Rivista di filosofia e culture” (www.incircolorivistafilosofica.it/wp).

Nelle pagine “Filosofica” e “Olivettiana” ho distinto gli ambiti e raggruppato i saggi che giudico più rilevanti. Nella pagina “Storie da un mondo antico” e “Taccuini” ho raccolto scritti autobiografici. La bibliografia completa delle mie pubblicazioni e partecipazioni a convegni ecc., è alla pagina “Archivio”, a partire dalla data più recente.

Dimenticavo: ho prestato servizio militare. Scuole AUC di Ascoli Piceno e Sabaudia, 4.o Reggimento Artiglieria Controaerei a Verona e Bolzano. Cose da Prima Repubblica. Ci tengo (alla Prima Repubblica).

 

Principali lavori nel campo della filosofi

Persona. Una antropologia filosofica nell’età della globalizzazione (ATìeditore, Milano 2015). Enzo Paci e Paul Ricoeur. In un dialogo e dodici saggi (ATì, Milano 2010). Saggi sulla “Scuola di Milano” (Antonio Banfi, Enzo Paci, Guido D. Neri, Enrico Filippini) e su Ernesto de Martino. Nel Dizionario biografico degli italiani della Enciclopedia Treccani, la voce Enzo Paci (http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/Enzo-Paci/Dizionario_Biografico/).

Principali lavori dedicati ad Adriano Olivetti e alla Società Olivetti

Comunità concreta. Le opere e il pensiero di Adriano Olivetti, prefazione di G. Galasso (Alfredo Guida Editore, Napoli 2008). ­ Scritti sul mondo olivettiano ne “L’Acropoli”: “Lettura dell’Ordine politico delle Comunità di Adriano Olivetti” (2002), “Scrittura Olivetti. Sinisgalli Fortini Giudici, con una nota su Adriano Olivetti technical writer” (2005); “Tecnica delle riforme e tecniche della ragione. Le Edizioni di Comunità di Adriano Olivetti e il neoilluminismo italiano”, in Impegno per la ragione. Il caso del neoilluminismo, a cura di W. Tega, il Mulino, Bologna 2011; e “Via Camperio. Una memoria dalla Pubblicità Olivetti”, in Storia e storie delle risorse umane in Olivetti, a cura di M. La Rosa, P. A. Rebaudengo, C. Ricciardelli, FrancoAngeli, Milano 2005.

Nell’Enciclopedia Treccani, volume Tecnica: “L’avventura Olivetti”. Breve storia della Società Olivetti dalla fondazione alla dissoluzione, (http://www.treccani.it/enciclopedia/l-avventura olivetti_%28Il_Contributo_italiano_alla_storia_del_Pensiero:_Tecnica%29/). Nel Dizionario biografico degli italiani della Treccani le voci Camillo Olivetti e Roberto Olivetti.

Sul mondo editoriale

Saggi su Alberto Mondadori (2007 e 2015), Giuseppe Faggin e Antonio Banfi (2007), Federigo Enriques consulente scientifico della Casa editrice Zanichelli (2014), La Scuola di Milano e l’editoria milanese (Materiali di Estetica. Terza serie Online – 2/2015).

 

 

You must be logged in to post a comment.